MASACCIO

Trinità


Pagamento del tributo


Cacciata dei progenitori dall'Eden


Trittico di San Giovenale


Maestà


Crocifissione


Sant'Anna Metterza


San Pietro risana gli infermi con la sua ombra


Battesimo dei neofiti


Adorazione dei Magi


Portrait of a Young Man


Resurrezione del figlio di Teofilo e san Pietro in cattedra


Madonna del solletico


San Paolo


Polittico di Pisa


Desco da parto


Crocifissione di san Pietro


Sagra

Masaccio, soprannome di Tommaso di ser Giovanni di Mone Cassai (Castel San Giovanni in Altura oggi San Giovanni Valdarno, 21 dicembre 1401 – Roma, estate 1428), è stato un pittore italiano. Fu uno degli iniziatori del Rinascimento a Firenze, rinnovando la pittura secondo una nuova visione rigorosa, che rifiutava gli eccessi decorativi e l'artificiosità dello stile allora dominante, il gotico internazionale. Partendo dalla sintesi volumetrica di Giotto, riletta attraverso la costruzione prospettica brunelleschiana e la forza plastica della statuaria donatelliana, inserì le sue «figure vivissime e con bella prontezza a la similitudine del vero» (Vasari) in architetture e paesaggi credibili, modellandole attraverso l'uso del chiaroscuro. Bernard Berenson disse di lui «Giotto rinato, che ripiglia il lavoro al punto dove la morte lo fermò».


Contatore siti