19 febbraio 1971

 

Ti guardo e sorrido, occhi di sogno ti splendono in volto, luccicanti come il cielo in estate, caldi come un raggio di sole. Innamorati
nei banchi di scuola
come tanti,
abbiamo scoprto
una materia a noi nuova,
l'amore.
Mi giro
e ti vedo lontana,
teste ciondolanti
nel vuoto
mi separano da te.
Ogni tanto
t'incontro lo sguardo,
son punto
da uno spillo di fuoco,
ma...
una voce imperiosa
ci richiama al dovere,
aspetta,
ci vedremo tra poco.